18 dicembre, 2017

L’Italia ha oltre 2000 vitigni, varietali, di cui circa 450 registrati ufficialmente.

La varietà più coltivata è il sangiovese – seppur in netto calo – con oltre 50.000 ettari nel 2015, seguita per i vitigni a bacca rossa da montepulciano, merlot e barbera.

Ai primi posti tra i bianchi, trebbiani e catarratto, che negli ultimi anni hanno tuttavia visto ridursi notevolmente le rispettive percentuali. I vitigni in maggiore crescita sono il glera e il pinot grigio.

 

Vitigni

Cortaccia

Tagli bordolesi: chi vince tra Bolgheri e Alto Adige?

Quando si parla d'icone del vino italiano non si può fare a meno di pensare ai vini di taglio bordolese toscani, quelli che sono...
trebbiano_Lugana

Vini e territorio, il racconto del produttore: Nadia Zenato presenta il Lugana

Quest’anno si festeggiano i 50 anni della DOC Lugana, il famoso vino bianco del Garda che oggi vive un momento di grande successo. Parliamo del vitigno trebbiano di Lugana e dei vini della denominazione con Nadia Zenato...
Berbera

Vitigni autoctoni: la Barbera

  di Alessio Turazza La barbera è una varietà a bacca rossa autoctona del Piemonte, in particolare delle zona di Asti, Alba e del Monferrato....
Vitigni autoctoni: Sangiovese

Vitigni autoctoni: il Sangiovese

Il sangiovese è il vitigno a bacca rossa più coltivato in Italia, soprattutto in Toscana e nelle Regioni centrali della penisola.
nebbiolo

Vitigni autoctoni : il Nebbiolo

  di Alessio Turazza Il nebbiolo è uno dei vitigni più nobili e antichi del patrimonio ampelografico italiano. E’ originario del Piemonte e più in particolare...

You can read this in: 简体中文